X
i
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per maggiori informazioni e per disabilitare, in tutto o in parte, i cookie clicca su ACCETTO. Navigando, chiudendo questo banner o continuando la navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accedi alla nostra Cookie Policy
ACCETTA
Rassegna stampa riviste specialistiche e tecniche sulle Residenze Parco Vittoria 12 Luglio 2016
Alcuni portali tecnici e di architettura hanno dedicato articoli di approfondimento sulle Residenze Parco Vittoria. Ringraziandoli per l'attenzione, ne riproponiamo qui degli stralci con i link per la lettura completa.

ARCHIPORTALE

"Un’importante riconversione urbana di un’area industriale dismessa: l’ex Alfa Romeo, situata tra l’ex fiera e Viale Serra, si è trasformata in un ampio e avveniristico progetto di Smart City, Parco Vittoria. Oltre ad essere un cruciale elemento di conclusione della dorsale che ha visto rinascere il quadrante ovest di Milano, tra cui spiccano Porta Nuova e City Life, questo nuovo e innovativo quartiere deve tutto all’interpretazione progettuale di Guido Canali per la realizzazione di un centro residenziale fatto di continuità volumetriche e analogie visive di una ricostruzione urbana della nuova modernità milanese." 
Continua a leggere qui.


ARKETIPO

"Oltre a essere un cruciale elemento di conclusione della dorsale che ha visto rinascere il quadrante ovest di Milano, tra cui spiccano appunto Porta Nuova e City Life, il nuovo e innovativo quartiere Portello deve tutto all’interpretazione progettuale di Guido Canali per la realizzazione di un centro residenziale composto da continuità volumetriche e analogie visive di una ricostruzione urbana della nuova modernità milanese."
Continua a leggere qui.


EDILPORTALE

"Sei torri da undici piani (denominate Giulietta, Torpedo, Superba, Giulia, Duetto e Brera, storici modelli automobilistici) e due edifici in linea (chiamati “Alfa” e “Romeo”) da cinque piani sono allineati sul perimetro esterno, così da liberare al centro il maggior spazio possibile per il verde, sia pubblico che privato"
Continua a leggere qui.